In un raro pomeriggio delle lunghe chiacchiere, il caffé lento e la pigrizia così inusuale e preziosa in questa città, Marina, milanese di nascita, mi chiese:

“Ma tu a Milano, come ti trovi?”

Una domanda in apparenza semplice che però, pretende una risposta sostanziosa, una che probabilmente non riuscirò mai a formulare fino in fondo, quindi dissi:

A volte la amo, a volte non la posso sopportare.”

Marina mi guardò stupita e disse:

Io mi chiedo come tu possa amarla.”


Foglio illustrativo:

Leggere, pensare, osservare, scrivere, criticare, costruire.
Diffondere allo scopo di cambiare qualcosa, di non sentirci isolati.
Per tutti quelli che almeno una volta si sono sentiti stranieri in questa citta’, anche se sono nati a Milano.

E’ un sito che può avere effetti desiderati, tenerlo alla portata di tutti e leggere attentamente il contenuto.